Benvenuto!

Il solo fatto che tu sia qui già mi gratifica. Che dire di più? Ormai visto che ci sei partecipa, leggi e commenta. Una sola richiesta. Quando te ne andrai non chiudere la porta!

mercoledì 25 novembre 2009

E.P.G.C.S: Privatizzazione dei culi

Sì avete letto bene. "Privatizzazione dei culi" non è un errore, anche se "Privatizzazioni fatte con il culo" sarebbe comunque un titolo attuale. Negli ultimi giorni è stata approvata la privatizzazione dell'acqua. Argomento che ha scaldato non poco gli animi in parlamento e non solo. Per esprimere brevemente il mio parere, credo che l'acqua sia un bene di tutti e privatizzarlo mi sembra un'assurdità. Considerato che in Italia le privatizzazioni, quasi sempre, sono state fatte con il culo (vedere Ferrovie e Telecom), prevedo che ciò porterà ad un innalzamento dei prezzi, senza che venga migliorato il servizio. Questo lo scopriremo con il tempo. Sperando di non dover ricorrere all'antitrust.

Per chi non avesse ben chiaro di cosa si parla, diciamo che "la privatizzazione è quel processo economico che sposta la proprietà di un ente o di un'azienda dal controllo statale a quello privato. Il procedimento opposto è la nazionalizzazione o la municipalizzazione". (Fonte wikipedia)

Considerando che l'acqua è il 65% del nostro corpo, ritengo sia corretto definirla un bene vitale. E' curioso notare che il 100% del genere umano se privato di acqua muore. Il mio timore è che una privatizzazione possa portare a gestire l'acqua non più seguendo i canoni del servizio e del bisogno imprescindibile, ma secondo i principi economici personali. Cosa affatto rara in Italia. (Paradosso irrealizzabile: un ente privato potrebbe decidere di non portare l'acqua in un piccolo paese perché la spesa non sarebbe sostenibile).

Ora, seguendo il principio della privatizzazione e osservando i continui perculamenti che il mondo politico offre al popolo, ho deciso di privatizzare il mio culo. Sì, è vero. Siamo in democrazia e gli eletti dalla maggioranza rappresentano il popolo ma perché tutti devono mettercelo lì? Già è fastidioso essere inchiappetati da quelli che ho votato, diventa oltremodo doloroso esserlo anche da quelli che non avrei scelto nemmeno sotto tortura.

Perciò ho deciso di privatizzare il mio culo. Mi costituirò come E.P.G.C.S (Ente Privato di Gestione del Culo del Sottoscritto) e, d'ora in poi, chi vorrà entrare dovrà partecipare ad una gara d'appalto. Dichiaro fin da subito che voglio esercitare il monopolio sul mio culo!! L'idea sarebbe di mettere un prezzo di base altissimo per scoraggiare chiunque. Non funzionasse, almeno metterei via un po' di quattrini.

Ti è piaciuto l'articolo? Vota Ok oppure No. Grazie Mille!

Puoi votare le mie notizie anche in questa pagina.

Articoli correlati per categorie



1 commento:

alvinrevolution ha detto...

bel sito complimenti!