Benvenuto!

Il solo fatto che tu sia qui già mi gratifica. Che dire di più? Ormai visto che ci sei partecipa, leggi e commenta. Una sola richiesta. Quando te ne andrai non chiudere la porta!

giovedì 29 luglio 2010

Il mio amico Eric.

Eric Cantona è stato un giocatore francese talentuosissimo e con un carattere particolare. I tifosi del Manchester United lo avevano ribattezzato Dio e lo consideravano un Re. E' uno dei pochi francesi ad entrare nel gotha del calcio inglese. Il suo talento e la sua classe sono fuori discussione, la sua personalità, invece, è oggetto di tante discussioni. A me è sempre piaciuto. Personaggio tosto e poco incline a piegare il capo. Dopo un episodio negativo, quando aggredì un tifoso che lo aveva insultato, rimase in silenzio per diverse settimane, poi indisse una conferenza stampa, probabilmente la più famosa mai tenuta da un giocatore, dove dichiarò:
"Quando i gabbiami seguono il peschereccio è perché pensano che verranno gettate in mare delle sardine".

Torniamo al film. Commento semplice ma chiaro: è bello. Soprendente anche l'interpretazione di Cantona. Ken Loach descrive la storia di Eric Bishop, un postino che sta subendo la vita. Vive nel dolore del ricordo della ex-moglie, in balìa di due figli adolescenti sbandati. Una vita di depressione. Di contro ha una cerchia di amici-colleghi che cercano di aiutarlo in ogni modo. In uno di questi tentativi organizzano un gruppo di auto-aiuto nel quale devono mettersi davanti ad uno specchio immaginario e provare a guardare la vita con gli occhi di una persona che stimano. Grazie anche ad un bella fumatina di erba, che Eric ruba al figlio, il nostro protagonista riuscirà a vedere Eric Cantona. Sulle prime mi è venuto in mente "Provaci ancora, Sam". L'idea è più o meno la stessa, ovvero un alter ego importante (in quel caso Humprey Bogart) che aiuta il protagonista sfigato. La trama però è differente. Non posso raccontarla perché vi rovinerei il piacere di vederlo.

Posso solo dirvi che è un film molto bello e ben fatto. Un ottimo equilibrio tra commedia e dramma. L'aspetto che più mi ha colpito è il tema della positività del mito. Il calciatore famoso abituato ai grandi trionfi, al goal davanti a 60.000 persone, si ritrova ad interagire con le piccole, poi nemmeno troppo piccole, criticità quotidiane dell'uomo comune. Eric Cantona, famosissimo per la sua celeberrima conferenza stampa che si concluse in una sorta di aforisma, dispensa consigli al postino. Non sono mai consigli diretti ma parole accennate, adatte a stimolare e fare pensare. Piano piano Eric Bishop riprenderà le redini della propria vita, perché "per sorprenderli, devi prima sorprendere te stesso"; mentre lo spettatore capirà che un uomo comune puo' essere anche un mito, perché spesso il mito non è altro che un uomo comune che ha avuto il coraggio di rischiare.


Articoli correlati per categorie



5 commenti:

Il rospo dalla bocca larga ha detto...

Lo vedrò al mille per mille. Io, nonostante sia italiano, ho sempre pensato che Eric Cantona fosse davvero Dio... Uno e trino.

http://www.youtube.com/watch?v=GGdfSaz4Y6s&feature=fvw

In Cantona we trust! :D

Valente il ragazzo diffidente ha detto...

Il top dei top è questo:

http://www.youtube.com/watch?v=bTq6aApCBnA

Conferenza attesissima da tutta la stampa inglese che si aspettava chissà quale verità e lui liquida tutti in 15 secondi.

Itsas ha detto...

i film di ken loach sono tutti da vedere

lo farò presto anche per questo

cntona non mi piaceva invece..

... daisy... ha detto...

Che bella la tua ultima frase.

Carmine Volpe ha detto...

grazie delle recensione e complimenti per il blog